La trasparenza dell’anima

Adoro la trasparenza delle immagini che c’è all’inizio della primavera: la natura si riveste, ma lo fa per gradi. Da qualsiasi angolazione guardiamo, scopriamo una profondità di visione che, più avanti, perderemo nel rigoglio del fogliame.

Potremmo avere la medesima visione senza limiti, sia di noi stessi che gli altri, andando ben oltre al manifesto. Se osserviamo le cose dal punto di vista dell’energia, ci rendiamo conto che, qualsiasi cosa facciamo – o non facciamo –, è la nostra energia a parlare per noi. Se solo focalizzassimo la nostra attenzione profonda sulla nostra comunicazione interiore o su ciò che ci circonda, dunque, avremo una visione del mondo molto diversa.

Il messaggio energetico che trasmettiamo o che ci arriva è sempre vero, assolutamente e, a volte, impietosamente vero. Tutte le strategie, che adottiamo per sembrare diversi o per mascherare sentimenti che ci mettono a disagio, come rabbia o invidia o dolore, sono destinate a fallire.

E’ inutile fingere. Tutti, indistintamente, possediamo le antenne per captare lo stato reale di chi ci sta di fronte. Se non siamo attenti, la sensazione può non essere precisa ma, da qualche parte, l’informazione c’è. Potremmo sentire il dolore sotto il sorriso, o l’ipocrisia al di là delle buone maniere; o avvertire che, oltre la rabbia e l’aggressività, c’è solo paura.

Siamo tutti trasparenti e, volendo, ogni persona che incotriamo può guardarci attraverso, in una meravigliosa trasparenza, come quella della natura in questi giorni.




Iscriviti

Iscriviti ai miei canali per restare aggiornati sulle nuove pubblicazioni

I commenti sono disabilitati